Che cos’è l’astrologia

L’astrologia è un antico linguaggio simbolico, un campo di conoscenza al di là della scienza ora nota. L’astrologia ha le sue origini nell’osservazione del cielo e delle stelle visibili, proprio come sua ‘sorella’ l’astronomia. Mentre l’astronomia si occupa di osservare concreti contesti fisici, l’astrologia guarda le costellazioni nel cielo come simboli di principi energetici. Esamina le relazioni tra questi simboli e l’azione sulla terra in base alla legge della sincronicità. Le radici della moderna astrologia occidentale risalgono al tempo dei Babilonesi. Da lì la conoscenza si diffuse in Grecia, così come nello spazio arabo e indiano. La nostra, ora nota, astrologia ha le sue origini nella tradizione greca e in seguito in quella romana.

Molti millenni fa l’astronomia e l’astrologia venivano studiate insieme. La mitologia, le scienze spirituali e fisiche rappresentavano le scienze naturali. Dopo il Rinascimento, e soprattutto nell’età dell’Illuminismo, nel mondo occidentale si é avuta una divisione. Alla mitologia e religione è stata assegnata la propria area, ben distinta dalla scienza. L’astrologia è stata avvicinata al campo della fede negandole l’attendibilità scientifica. Sebbene esclusa dalle scienze dello spirito più conosciute, ridicolizzata e talvolta combattuta, ha mantenuto il fascino che esercita sulle persone e conservato per molti la sua validità. Nel secolo scorso é iniziato un rinnovamento e l’astrologia ha avuto uno sviluppo importante. Il linguaggio simbolico è stato integrato con altre aree di conoscenza e con le loro rispettive norme e leggi, in particolare con le conoscenze psicologiche sviluppatesi durante questo periodo. Ciò ha portato all’astro-psicologia.